Africaland • Leggi argomento - Aggiornare la carta di circolazione.

Aggiornare la carta di circolazione.

Iscrizione all' A.S.I.

Messaggioil 18/10/2017, 16:40

Ragazzi, ho richiesto il N.O in Land rover per la mia series e mi è stato concesso con la corretta data per il mio veicolo, adesso, sul libretto l'ultima immatricolazione è del 1998. Mi sapreste spiegare almeno a grandi linee come fare e l'iter da seguire per farmi aggiornare la carta di circolazione alla data giusta con questo documento alla mano?
Quando è la passione a spingerti.. Niente ti può fermare..
Angio
Avatar utente
 
Messaggi: 1530
Iscritto il: 09/10/2009, 15:50
Località: Mercogliano (AV)
SOCIO AL

Messaggioil 19/10/2017, 17:24

Nulla osta.. per cosa?
Dal resto del messaggio sembrerebbe che quello che ti sei fatto fare sia un certificato attestante la data di costruzione, non un nulla osta.

Nel caso, non c'è nulla da modificare sulla carta di circolazione, semplicemente hai due documenti, uno attestante la data di immatricolazione, l'altro la data di costruzione, che non necessariamente coincidono.
Quando devi presentare qualche domanda, o pagare qualche imposta, che dipendono dall'anno di costruzione (che si suppone uguale a quello di immatricolazione solo salvo prova contraria, che però nel tuo caso c'è, quindi vale la costruzione) li presenti entrambi in modo da far valere la data di costruzione.

Ciao.
Mauro
ImmagineImmagine
birrone
Avatar utente
 
Messaggi: 5534
Iscritto il: 28/07/2008, 17:44
Località: Sampeyre (CN)

Messaggioil 19/10/2017, 19:08

birrone ha scritto:Nulla osta.. per cosa?
Dal resto del messaggio sembrerebbe che quello che ti sei fatto fare sia un certificato attestante la data di costruzione, non un nulla osta.

Nel caso, non c'è nulla da modificare sulla carta di circolazione, semplicemente hai due documenti, uno attestante la data di immatricolazione, l'altro la data di costruzione, che non necessariamente coincidono.
Quando devi presentare qualche domanda, o pagare qualche imposta, che dipendono dall'anno di costruzione (che si suppone uguale a quello di immatricolazione solo salvo prova contraria, che però nel tuo caso c'è, quindi vale la costruzione) li presenti entrambi in modo da far valere la data di costruzione.

Ciao.
Mauro

In tanto grazie per la risposta. In pratica la mia series è stata reimmatricolata e ritargata nel 1998 e quindi, a terminale risulta essere un veicolo del 1998. Adesso, ho richiesto al cetoc di rilasciarmi una dichiarazione o N.O. che certifichi che l'auto non è del 1998 ma ben si del 1964 e mi è stata concessa. La domanda è: devo far aggiornare la mia carta di circolazione per poter dimostrare che l'auto non è del 1998? La sostanziale differenza sta nel fatto che, in tal modo non sarei vincolato al pagamento obbligatorio del bollo perchè veicolo ultra trentennale, l'assicurazione potrei farla storica ed avrei la dimostrazione pratica e reale "certificata" che l'auto ha gli anni che dichiaro. Oppure nessun aggiornamento e sbattimento burocratico ma, semplicemente allegare alla carta di circolazione la dichiarazione Land per poter ottenere gli stessi vantaggi? Ha valenza di documento ufficiale la dichiarazione? .. Mi scuso se sono ripetitivo ma, ci tengo a capire e muovermi nel modo giusto perchè qui in italia i cavilli burocratici e a volte la disinformazione degli stessi enti fanno guai enormi ahimè.
Quando è la passione a spingerti.. Niente ti può fermare..
Angio
Avatar utente
 
Messaggi: 1530
Iscritto il: 09/10/2009, 15:50
Località: Mercogliano (AV)
SOCIO AL

Messaggioil 19/10/2017, 19:28

Ma sulla carta di circolazione ci dovrebbe essere scritto la data di prima immatricolazione anche se all'estero.
221068
Avatar utente
 
Messaggi: 3676
Iscritto il: 07/09/2012, 22:29
Località: arce (FR)

Messaggioil 19/10/2017, 19:46

Corretto
Deve apparire la prima data d'immatricolazione, non di produzione
MaurizioSWO862
PRINCYLAND FANS CLUB
maurizioswo862
Avatar utente
 
Messaggi: 3401
Iscritto il: 03/04/2012, 13:17
Località: nottingham

Messaggioil 19/10/2017, 21:45

Allora, ho il libretto sotto mano e lo sto controllando rigo per rigo, come prima data di immatricolazione c'è scritto: Anno immatricolazione 77 (uf.prov.vi) e subito sotto: Firenze 23/04/98. Di precedenti date non vi è traccia sul libretto!!!!.. Allego foto!
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Quando è la passione a spingerti.. Niente ti può fermare..
Angio
Avatar utente
 
Messaggi: 1530
Iscritto il: 09/10/2009, 15:50
Località: Mercogliano (AV)
SOCIO AL

Messaggioil 19/10/2017, 22:38

Angio ha scritto:In tanto grazie per la risposta. In pratica la mia series è stata reimmatricolata e ritargata nel 1998 e quindi, a terminale risulta essere un veicolo del 1998. Adesso, ho richiesto al cetoc di rilasciarmi una dichiarazione o N.O. che certifichi che l'auto non è del 1998 ma ben si del 1964 e mi è stata concessa. La domanda è: devo far aggiornare la mia carta di circolazione per poter dimostrare che l'auto non è del 1998? La sostanziale differenza sta nel fatto che, in tal modo non sarei vincolato al pagamento obbligatorio del bollo perchè veicolo ultra trentennale, l'assicurazione potrei farla storica ed avrei la dimostrazione pratica e reale "certificata" che l'auto ha gli anni che dichiaro. Oppure nessun aggiornamento e sbattimento burocratico ma, semplicemente allegare alla carta di circolazione la dichiarazione Land per poter ottenere gli stessi vantaggi?

Ti ho già risposto, quello che hai ricevuto dal CETOC non è un nulla osta bensì un certificato della data di costruzione, che ha valore legale.
Non devi (né puoi) aggiornare la carta di circolazione, dove è riportata solo la data di immatricolazione, non quella di costruzione.

Devi invece trasmettere il documento alla motorizzazione della tua regione per vederti riconoscere le agevolazioni previste (direttamente, tramite l'ACI o tramite un'agenzia di pratiche auto), e devi darne copia all'assicurazione insieme a copia del libretto (ma ciascuna assicurazione fa cosa vuole, quindi preparati a girarne diverse prima di capire quale ti fa condizioni migliori).
ImmagineImmagine
birrone
Avatar utente
 
Messaggi: 5534
Iscritto il: 28/07/2008, 17:44
Località: Sampeyre (CN)

Messaggioil 19/10/2017, 22:52

Dal libretto risulta come prima immatricolazione (italiana) 1977 per cui in ogni caso ha 40 anni e gode da almeno 10 anni di tutti i benefici riservati alle storiche ultratrentennali.
Roberto Land Rover 88" SIII diesel 1973
roby65to
Avatar utente
 
Messaggi: 19633
Iscritto il: 07/04/2003, 11:59
Località: bassa valle di Susa

Messaggioil 19/10/2017, 22:54

Tra l' altro dal numero di telaio manca la lettera di suffisso ed il motore è segnato il tipo 902 che è quello delle SIII...
Roberto Land Rover 88" SIII diesel 1973
roby65to
Avatar utente
 
Messaggi: 19633
Iscritto il: 07/04/2003, 11:59
Località: bassa valle di Susa

Messaggioil 19/10/2017, 23:06

roby65to ha scritto:Dal libretto risulta come prima immatricolazione (italiana) 1977 per cui in ogni caso ha 40 anni e gode da almeno 10 anni di tutti i benefici riservati alle storiche ultratrentennali.

Vero :o
Se non hai già inviato la richiesta al CETOC puoi risparmiare i soldi del certificato, che a livello fiscale non ti aggiunge nulla.
Anche se al tuo posto me lo farei dare lo stesso come certificazione dell'età del veicolo, nel momento in cui ti venisse utile poterla dimostrare (ad esempio quando la rivenderai).
ImmagineImmagine
birrone
Avatar utente
 
Messaggi: 5534
Iscritto il: 28/07/2008, 17:44
Località: Sampeyre (CN)

Messaggioil 19/10/2017, 23:51

roby65to ha scritto:Tra l' altro dal numero di telaio manca la lettera di suffisso ed il motore è segnato il tipo 902 che è quello delle SIII...

In verità, anche avendo comunicato al cetoc il num di telaio completo di suffisso, nell'emettere il documento hanno rimosso la lettera lasciandomi soltanto i numeri, per il numero di motore segnato non ne ho idea, forse quando è stata reimmatricolata è stato utilizzato il numero presente per i modelli di quegli anni?..

birrone ha scritto:
roby65to ha scritto:Dal libretto risulta come prima immatricolazione (italiana) 1977 per cui in ogni caso ha 40 anni e gode da almeno 10 anni di tutti i benefici riservati alle storiche ultratrentennali.

Vero :o
Se non hai già inviato la richiesta al CETOC puoi risparmiare i soldi del certificato, che a livello fiscale non ti aggiunge nulla.

Anche se al tuo posto me lo farei dare lo stesso come certificazione dell'età del veicolo, nel momento in cui ti venisse utile poterla dimostrare (ad esempio quando la rivenderai).

Il certificato lo prendo lo stesso, alla fine è l'unico documento ufficiale che dimostra la vera età dell'auto, altrimenti non avrei modo di poterlo dimostrare in maniera legittima. Lo allegherò all'assicurazione che l'ultima volta mi disse che un anno di assicurazione mi sarebbe costata oltre 1000 euro essendo un veicolo del 98 :o.

birrone ha scritto:
Angio ha scritto:In tanto grazie per la risposta. In pratica la mia series è stata reimmatricolata e ritargata nel 1998 e quindi, a terminale risulta essere un veicolo del 1998. Adesso, ho richiesto al cetoc di rilasciarmi una dichiarazione o N.O. che certifichi che l'auto non è del 1998 ma ben si del 1964 e mi è stata concessa. La domanda è: devo far aggiornare la mia carta di circolazione per poter dimostrare che l'auto non è del 1998? La sostanziale differenza sta nel fatto che, in tal modo non sarei vincolato al pagamento obbligatorio del bollo perchè veicolo ultra trentennale, l'assicurazione potrei farla storica ed avrei la dimostrazione pratica e reale "certificata" che l'auto ha gli anni che dichiaro. Oppure nessun aggiornamento e sbattimento burocratico ma, semplicemente allegare alla carta di circolazione la dichiarazione Land per poter ottenere gli stessi vantaggi?

Ti ho già risposto, quello che hai ricevuto dal CETOC non è un nulla osta bensì un certificato della data di costruzione, che ha valore legale.
Non devi (né puoi) aggiornare la carta di circolazione, dove è riportata solo la data di immatricolazione, non quella di costruzione.

Devi invece trasmettere il documento alla motorizzazione della tua regione per vederti riconoscere le agevolazioni previste (direttamente, tramite l'ACI o tramite un'agenzia di pratiche auto), e devi darne copia all'assicurazione insieme a copia del libretto (ma ciascuna assicurazione fa cosa vuole, quindi preparati a girarne diverse prima di capire quale ti fa condizioni migliori).

Grazie mille, andrò con carte alla mano direttamente in motorizzazione in modo tale da essere certo di ciò che sarà fatto e come sarà fatto d'ora in avanti. Ad essere sincero son contento di non dovermi dilungare in altre pratiche burocratiche con la carta di circolazione ecc. Vi ringrazio per le preziose delucidazioni, adesso ho un quadro più chiaro di come iniziare a muovermi ;).
Quando è la passione a spingerti.. Niente ti può fermare..
Angio
Avatar utente
 
Messaggi: 1530
Iscritto il: 09/10/2009, 15:50
Località: Mercogliano (AV)
SOCIO AL

Messaggioil 20/10/2017, 9:48

Ma l' assicurazione il libretto lo ha visto? C'è scritto chiaramente che è del 1977, nel 1998 c'è stata l' ultima immatricolazione con una nuova targa...

Per il motore sarebbe meglio approfondire, se ci fosse un 902, originalità a parte, non ci sarebbero problemi, ma se avessi il motore originale (potrebbe essere il 251) in caso di controllo potrebbero esserci dei (grossi) problemi in quanto non corrisponderebbe al motore omologato, in questo caso dovresti cercare di avere un nullaosta per cambio motore ed aggiornare il libretto, stesso discorso per il numero di telaio, la lettera finale fa parte integrante della numerazione, se sulla punzonatura fosse presente (e dovrebbe esserci) vuol dire che il numero non sarebbe lo stesso del libretto, ho avuto altri casi di "perdita" del suffisso ed in sede di collaudo la cosa è stata contestata richiedendo una nuova punzonatura con nuova numerazione, insomma una scocciatura dopo l' altra, per esperienza il libretto dev' essere assolutamente corrispondente al veicolo altrimenti possono essere guai, anche grandi in caso di sinistro grave con perizia sul mezzo...
Roberto Land Rover 88" SIII diesel 1973
roby65to
Avatar utente
 
Messaggi: 19633
Iscritto il: 07/04/2003, 11:59
Località: bassa valle di Susa

Messaggioil 20/10/2017, 12:13

roby65to ha scritto:Ma l' assicurazione il libretto lo ha visto? C'è scritto chiaramente che è del 1977, nel 1998 c'è stata l' ultima immatricolazione con una nuova targa...

Per il motore sarebbe meglio approfondire, se ci fosse un 902, originalità a parte, non ci sarebbero problemi, ma se avessi il motore originale (potrebbe essere il 251) in caso di controllo potrebbero esserci dei (grossi) problemi in quanto non corrisponderebbe al motore omologato, in questo caso dovresti cercare di avere un nullaosta per cambio motore ed aggiornare il libretto, stesso discorso per il numero di telaio, la lettera finale fa parte integrante della numerazione, se sulla punzonatura fosse presente (e dovrebbe esserci) vuol dire che il numero non sarebbe lo stesso del libretto, ho avuto altri casi di "perdita" del suffisso ed in sede di collaudo la cosa è stata contestata richiedendo una nuova punzonatura con nuova numerazione, insomma una scocciatura dopo l' altra, per esperienza il libretto dev' essere assolutamente corrispondente al veicolo altrimenti possono essere guai, anche grandi in caso di sinistro grave con perizia sul mezzo...

Si lo ha visto ma, probabilmente l'assicuratore non l'ha osservato con attenzione visto che gli avevo richiesto soltanto un preventivo per capire un pò a cosa andavo incontro, adesso gli allegherò anche la certificazione del cetoc in modo tale da fargli capire anche di che veicolo stiamo parlando, visto che mi disse: non so che veicolo possa essere e quindi non ti posso far risparmiare nulla :shock:.

Per quanto riguarda il numero di telaio e se il suffisso finale non fosse legibile o non presente sullo chassis cosi come sui documenti? :mrgreen: "anche perchè, quando l'ho presa per scovare il numero per bene c'è n'è voluta visto che era nascosto sotto l'antirombo" Per il numero di motore invece, si può ovviare al problema visto che sul mio non è presente e poi non ho montato neanche quello di una IIa ma di una II quindi antecedente.
Quando è la passione a spingerti.. Niente ti può fermare..
Angio
Avatar utente
 
Messaggi: 1530
Iscritto il: 09/10/2009, 15:50
Località: Mercogliano (AV)
SOCIO AL

Messaggioil 20/10/2017, 12:53

Il suffisso sul telaio non può non esserci, anche perché storicamente ha un significato preciso e poi, in alcuni casi, quando esaurivano la sequenza numerica del numero di serie ricominciavano da 1 aumentando di una lettera il suffisso, se però fosse coperta dall' antirombo dubito che qualcuno abbia qualcosa da dire, ma sulla targhetta presumo ci sia...

Per quanto riguarda il motore, se il numero non c'è, il problema non si pone...
Roberto Land Rover 88" SIII diesel 1973
roby65to
Avatar utente
 
Messaggi: 19633
Iscritto il: 07/04/2003, 11:59
Località: bassa valle di Susa

Messaggioil 20/10/2017, 13:20

Angio ha scritto:mi disse: non so che veicolo possa essere e quindi non ti posso far risparmiare nulla

In questo caso non serve integrare la documentazione, è meglio cambiare l'assicuratore :roll:
ImmagineImmagine
birrone
Avatar utente
 
Messaggi: 5534
Iscritto il: 28/07/2008, 17:44
Località: Sampeyre (CN)

Messaggioil 20/10/2017, 18:28

roby65to ha scritto:Il suffisso sul telaio non può non esserci, anche perché storicamente ha un significato preciso e poi, in alcuni casi, quando esaurivano la sequenza numerica del numero di serie ricominciavano da 1 aumentando di una lettera il suffisso, se però fosse coperta dall' antirombo dubito che qualcuno abbia qualcosa da dire, ma sulla targhetta presumo ci sia...

Per quanto riguarda il motore, se il numero non c'è, il problema non si pone...


Quando l'ho presa era tutto sotto l'antirombo, adesso, post sabbiatura e pulizia con solventi è venuto fuori ed è bello chiaro :lol: :oops:.

birrone ha scritto:
Angio ha scritto:mi disse: non so che veicolo possa essere e quindi non ti posso far risparmiare nulla

In questo caso non serve integrare la documentazione, è meglio cambiare l'assicuratore :roll:

Infatti, probabilmente non gli interessa avere un'altro mezzo con la sua assicurazione, dopo tutto l'avrei assicurata per l'intero anno pur utilizzandola sporadicamente e non come prima auto ;).
Quando è la passione a spingerti.. Niente ti può fermare..
Angio
Avatar utente
 
Messaggi: 1530
Iscritto il: 09/10/2009, 15:50
Località: Mercogliano (AV)
SOCIO AL

Messaggioil 20/10/2017, 22:25

Angio ha scritto:Infatti, probabilmente non gli interessa avere un'altro mezzo con la sua assicurazione, dopo tutto l'avrei assicurata per l'intero anno pur utilizzandola sporadicamente e non come prima auto ;)

Quello che il tizio non ha capito è che se ti rifiuta la macchina storica (su cui oggettivamente non guadagna quasi nulla), poi tu gli levi anche le altre dove invece ci guadagna(va)... io ho fatto così. ;)
ImmagineImmagine
birrone
Avatar utente
 
Messaggi: 5534
Iscritto il: 28/07/2008, 17:44
Località: Sampeyre (CN)


Torna a VEICOLI STORICI

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti