Africaland • Leggi argomento - Comprate mezzi elettrici... IL FUTURO Vol.2

Comprate mezzi elettrici... IL FUTURO Vol.2

Fuoristrada di tutte le altre marche

Messaggioil 19/06/2022, 20:43

@kloda

certo oggi basta avere un dubbio o non pensarla come la scienzha di regime che sei etichettato come terrapiattista. io ho sempre fatto il mio dovere, fin da piccolo quando mi insegnarono a non gettare le cartacce a terra. ma la 500 a pile a 40.000 euro no grazie
bengi3
Avatar utente
 
Messaggi: 859
Iscritto il: 02/08/2006, 21:49

Messaggioil 19/06/2022, 21:08

Nessuno ti obbliga, oggi come oggi neanche io la comprerei, ma sono abbastanza razionale da capire che le auto elettriche sono il futuro e che, al di la di qualsiasi ragionevole dubbio, ci sono evidenti cambiamenti climatici in atto e fenomeni meteorologici estremi sempre più frequenti, che fino a pochi anni fa erano cosa molto rara.

Cosa sarebbe la scienza di regime?
Roberto Land Rover 88" SIII diesel 1973

Facebook?! No grazie, ne faccio volentieri a meno…
Non uso WhatsApp, solo Telegram
roby65to
Avatar utente
 
Messaggi: 24039
Iscritto il: 07/04/2003, 11:59
Località: bassa valle di Susa
SOCIO AL

Messaggioil 19/06/2022, 22:08

bengi3 ha scritto:La questione non è se ci sia o meno riscaldamento del pianeta

Il riscaldamento (o raffreddamento) del pianeta ci sono sempre stati, anche prima che comparisse l'uomo.
Stranamente nessuno ha infilato un tappo di sughero nel sedere dei dinosauri per evitare l'emissione di gas serra.
Ad ogni modo all'epoca dei dinosauri, contrariamente al fatto che loro emettessero quantità enormi di gas serra, la terra si raffreddò, e loro si estinsero perché non erano preparati.

Quindi:
  • il riscaldamento e raffreddamento della terra ci sono sempre stati, ed il fatto che l'uomo ne sia la causa è tutt'altro che dimostrato (dal punto di vista scientifico non è dimostrabile, tutte le "teorie" sono congetture)
  • indipendentemente dal fatto che l'uomo ne sia o non ne sia la causa le possibilità di reale intervento sono nulle, i vari protocolli di Kyoto e roba simile intervengono solo su percentuali talmente ridicole da essere del tutto ininfluenti
  • preso atto che il riscaldamento (e/o il raffreddamento) c'è, sarebbe meglio spendere soldi in modo utile per prevenirne le conseguenze, non per tentare di evitare il fenomeno (che è inevitabile) e poi, quando inevitabilmente accadrà, farsi trovare del tutto impreparati come i dinosauri
La "transizione ecologica" sono soldi sprecati (a favore di quelli che ci speculano sopra, e a danno delle persone normali).
Sa c'è qualcosa di urgente è sforzarsi di capire in che direzione (volenti o nolenti) stiamo andando e muoverci di conseguenza.

Ciao.
Mauro
Il Signore ha dato, il Signore ha tolto, sia benedetto il nome del Signore! (Giobbe 1,21)
birrone
Avatar utente
 
Messaggi: 4654
Iscritto il: 28/07/2008, 17:44
Località: Sampeyre (CN)
SOCIO AL

Messaggioil 20/06/2022, 9:28

Walter Sobchak è il mio mito ! non me lo toccate :lol: :lol: :lol:
Negare i problemi non è corretto, ghiacciai spariti, meteo impazzito ecc... sono purtroppo sotto gli occhi di tutti, ma negare anche che le soluzioni non sono all'altezza bollando come sempliciotti, creduloni e gombloddisdi tutti quelli che non si allineano completamente è altrettanto non corretto.
La razionalità e l'obiettività sono una merce che sta diventando sempre più rara, sia in chi crede alla terra piatta che in chi crede che i grandi della terra lavorino davvero per la terra...
Qualche pagina fa avevo scritto che sarebbe stato il mio ultimo intervento in questo 3d, ora provo a tener fede a quanto scritto :D
Non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza
Andreacat
Avatar utente
 
Messaggi: 3148
Iscritto il: 20/04/2009, 20:31
Località: Verona

Messaggioil 20/06/2022, 9:44

@Birrone

I cambiamenti climatici ci sono sempre stati, ma la Terra ci ha messo milioni di anni a costituire l'attuale equilibrio ed è tale equilibrio che ha permesso la nascita dell'uomo e delle forme di vita che conosciamo oggi.
Sulla questione estinzione dei dinosauri, non ne sappiamo abbastanza per dire con certezza cosa sia stato, ma dagli studi effettuati pare molto probabile che sia stato il famoso meteorite (o un'eruzione vulcanica, comunque qualcosa che ha prodotto sedimenti, che abbiamo trovato. Sedimenti che prima erano in atmosfera e hanno ridotto l'irraggiamento solare, provocando un collasso delle temperature. Ribadisco non abbiamo certezze ma siamo abbastanza sicuri che l'era glaciale non sia una conseguenza dell'aumento dei gas serra).

Anche io credo che non riusciremo ad invertire l'emissione dei gas serra e l'aumento delle temperature, ma quantomeno dovremmo provarci, perchè l'alternativa è l'estinzione. Non esiste un mondo più caldo con l'uomo. Così come non esiste un mondo più caldo con le altre forme di vita che conosciamo. Ammesso che scaldare la Terra non generi un processo irreversibile (che anzi, sembra molto probabile, vedi Venere), prima che la vita possa tornare a prosperare ci vorrebbero altri (centinaia di) migliaia di anni...

Immagine
T.n.T.
Avatar utente
 
Messaggi: 1618
Iscritto il: 07/09/2020, 18:22
Località: Torino

Messaggioil 26/06/2022, 7:14

i meccanici stanno facendo dei corsi indipendenti per imparare a disattivare il motorino elettrico da 3-4 kw dei mild hybrid tipo FireFly in cui la batteria (i primi modelli sono del 2020) costa 2500 euro.
bengi3
Avatar utente
 
Messaggi: 859
Iscritto il: 02/08/2006, 21:49

Messaggioil 01/07/2022, 12:54

roby65to ha scritto:Nessuno ti obbliga, oggi come oggi neanche io la comprerei, ma sono abbastanza razionale da capire che le auto elettriche sono il futuro e che, al di la di qualsiasi ragionevole dubbio, ci sono evidenti cambiamenti climatici in atto e fenomeni meteorologici estremi sempre più frequenti, che fino a pochi anni fa erano cosa molto rara.

Cosa sarebbe la scienza di regime?


Personalmente penso che gli attuali motori a combustione diesel o benzina siano obsoleti, ma non sono convinto che elettrico sia la soluzione, forse ci sono altri metodi che sarebbero piu promettenti (idrogeno, o altri) e senza tutti i limiti su autonomia che sono inaccettabili. Ma scusate se devo andare da Milano a Palermo davvero ci devo mettere tre giorni e con soste inutili di ore in posti assurdi? ma che noia e che mal di fegato a forza di Fast food!!!

A meno di scoperte rivoluzionarie su capacità e peso batterie e magari i famosi super conduttori (dove sono finiti tutti gli studi di cui parlavano decenni fa, sembrava dovessero essere possibili motori e altri elementi elettrici leggerissimi???).

In Italia eravamo all'avanguardia per utilizzo fonti geotermali cha oggi sarebbero un toccasana per tutti i ns. problemi energetici e per motivi politici tutti lo hanno abbandonato e adesso siamo schiavi del petrolio.... cha hanno gli altri...

Scusate ma a volte si va avanti con il paraocchi.
Carlo
Carl
Avatar utente
 
Messaggi: 133
Iscritto il: 18/07/2011, 19:11
Località: Treviso

Messaggioil 01/07/2022, 13:15

E' uscita un'auto ad idrogeno, in commercio proprio adesso: è poco più che un'utilitaria e costa 80k € (alla faccia di chi, "l'elettrico non è per tutti"). Inoltre sull'idrogeno fanno ricerca da 50 anni e non si sono visti significativi passi avanti (la tecnologia delle celle a combustibile, è e sarà sempre cara per come è fatta). Oltre al fatto che come già detto, l'idrogeno non risolve alcun problema, se non quello della densità energetica, che comunque è ragionevole pensare che si supererà ugualmente

I superconduttori si usano ampiamente in tanti settori, ma un superconduttore va raffreddato vicino allo zero assoluto, con azoto liquido, per essere tale. Superconduttori a temperatura ambiente, al momento non esistono.

Geotermali? Non dobbiamo fare i fanghi, dobbiamo produrre energia... Le fonti geotermiche sono limitate sul suolo italiano, non siamo l'Islanda.

Quindi, al solito, prima di accusare altri di avere i paraocchi, sarebbe meglio sapere almeno di cosa si sta parlando (scusa la franchezza, ma non se ne può più della "qualunque") ;)
T.n.T.
Avatar utente
 
Messaggi: 1618
Iscritto il: 07/09/2020, 18:22
Località: Torino

Messaggioil 01/07/2022, 13:50

Articolo non fantastico, ma almeno ci provano

https://www.open.online/2022/06/30/fals ... triche-fc/

E poi mi permetto una considerazione personale (e vagamente qualunquista, ma comunque non campata per aria, credo): come mai i principali veicoli della campagna anti-elettrico sono i social (leggo spesso i commenti dei cd normodotati sui post di facebook che ne parlano)? Come mai sono gli stessi canali delle campagne No Vax, No Tav, no Tap, no sanzioni, pro Russia, ecc.? A chi legge queste cagate, non viene il dubbio che forse qualcuno abbia interesse perchè l'elettrico non prenda piede?

Perchè se io fossi un addetto alla propaganda russa, essendo il mio paese uno dei massimi esportatori mondiali di combustibili fossili, tra le varie campagne di disinformazione, ci metterei anche quella contro l'elettrico....

Poi magari sbaglio, ma a pensare male, spesso ci si prende. E se fosse così, chi glielo va a spiegare ai cd "liberi pensatori" che in realtà si sono solo fatti abbindolare dalla propaganda russa (come già ampiamente dimostrato, sia successo per altri temi)?
T.n.T.
Avatar utente
 
Messaggi: 1618
Iscritto il: 07/09/2020, 18:22
Località: Torino

Messaggioil 02/07/2022, 5:20

Quattroruote di Luglio, lasciamo stare l’altivissimo pregno di ideologia a buon mercato.
In ogni caso carburanti e auto Diesel o con motore a scoppio continueranno a essere prodotte nel mondo, per cui costi a parte*, sarà ancora possibile importare e guidare auto vere.


*: già oggi Il Parlamento europeo ha dato mandato alla Commissione di individuare misure per, udite udite, una tassazione di beni in ingresso in base alla loro impronta del carbonio. Quindi auto prodotte per es in Cina, in cui la produzione è alimentata con fonti energetiche fossili potrebbero subire un tassazione maggiorata. È e sarà sempre questione di soldi. Il trasporto automobilistico europeo pesa per l’1% delle emissioni mondiali di CO2.

Immagine
bengi3
Avatar utente
 
Messaggi: 859
Iscritto il: 02/08/2006, 21:49

Messaggioil 02/07/2022, 10:58

bengi3 ha scritto:: già oggi Il Parlamento europeo ha dato mandato alla Commissione di individuare misure per, udite udite, una tassazione di beni in ingresso in base alla loro impronta del carbonio. Quindi auto prodotte per es in Cina, in cui la produzione è alimentata con fonti energetiche fossili potrebbero subire un tassazione maggiorata.


Finalmente! Cosa ci sarebbe di sbagliato? Dovrebbero estenderlo a tutto… L’avevo già scritto in passato, credo: basterebbe abolire l’IVA e sostituirla con una imposta equa che tenga conto dell’impatto ambientale dei beni (costo energetico, di risorse, ma anche vita utile, costi di riciclaggio, ecc), indipendentemente da dove sono stati prodotti.

Ah gia, ma tu non vuoi mai pagare di più… :lol:

È e sarà sempre questione di soldi.


Esatto, per quelli come te sarà sempre una questione di soldi. Guai a pagare qualcosa in più, anche se fosse giusto così. Ma guarda a ragionare così, dove siamo arrivati.
E non ne faccio uno scontro generazionale: quel che è stato è stato e non è detto che si potesse fare meglio, ma adesso qualcosa deve cambiare perché non possiamo continuare a vivere alle spalle delle generazioni future.

A me questa sembra onestà, ma anche se fosse ideologia, ne andrei fiero. A buon mercato di sicuro non è, perché richiede sforzi importanti, che evidentemente non tutti sono disposti a fare.

P.s. se cerchi su quattroruote, vedrai che quasi ad ogni uscita c’è stato un articolo critico sulle auto elettriche. Chissà come mai
T.n.T.
Avatar utente
 
Messaggi: 1618
Iscritto il: 07/09/2020, 18:22
Località: Torino

Messaggioil 02/07/2022, 12:05

Il diritto alla mobilità non può essere una prerogativa dei ceti più abbienti, soprattutto se tutta questa fatica serve per ridurre le emissioni di un settore (automobili in europa) che incide per l’1% della CO2 mondiale.
bengi3
Avatar utente
 
Messaggi: 859
Iscritto il: 02/08/2006, 21:49

Messaggioil 02/07/2022, 12:41

Cosa centra il diritto alla mobilità?

Nella parte che ho quotato ti lamenti del fatto che vorrebbero tassare le auto prodotte in maniera meno sostenibile e ribadisco, non ci vedo nulla di male, anzi dovrebbe essere un concetto esteso a tutto.
Perché la gente la tocchi solo nel portafoglio: finché i comportamenti virtuosi non saranno meno costosi, la gente continuerà a trovare infinite scuse per non cambiare.

Poi continui a parlare di co2, mentre sono pagine che parlo di mercato.
Hai due alternative:
1) costruire veicoli che usano carburanti che sei costretto ad importare per la quasi totalità. Carburanti che peraltro, nel bruciare emettono co2, anche se nel conteggio complessivo incidono poco (ma vorrei vedere uno studio ben fatto che comprenda anche i costi di trasporto, stoccaggio, rischi di disastro, ecc perché quell’1% non è realistico)
2) costruire veicoli che possono essere alimentati da qualsiasi fonte, anche sostenibile (che ovviamente sarebbe da preferire) e che quindi non dipendono dall’approvvigionamento energetico all’estero.

Mi sembra talmente semplice…

Oggi per costruire quei veicoli dobbiamo però affidarci a tecnologie che non abbiamo, perché invece di investire in quel settore, siamo ancora lì a fare esperimenti con il fuoco… dobbiamo cambiare in questo senso e la politica in atto ha proprio questo scopo.

Vorrei sentirti ancora parlare di diritto alla mobilità quando la benzina arriverà a costare 4 €/L e tu continuerai a piangere e lamentarti, mentre io continuerò a muovermi liberamente, caricando l’auto dai miei pannelli solari :lol:
T.n.T.
Avatar utente
 
Messaggi: 1618
Iscritto il: 07/09/2020, 18:22
Località: Torino

Messaggioil 02/07/2022, 14:42

a tnt, ma ce se o ce fai? detto bonariamente eh! che sennò parte un flame.

io parlo dell'80% dei cittadini dell'unione che di notte lasciano la macchina per strada, di chi va al lavoro con la Matiz usata da 1000 euro per guadagnare 600 euro al mese, tu puoi anche caricare la tua tesla da 1000 kw col plutonio.

la mobilità individuale è un diritto acquisito nel dopoguerra e ora con la loro ideologia da strapazzo i burocrati di bruxelles vorrebbero farci tornare indietro di 70 anni. i burocrati di bruxelles vivono in ridenti villette alla periferia di bruxelles, coi pannelli sul tetto, mentre il centro dopo le 17 diventa un dormitorio di poveri.

tu mi parli di pannelli sul tetto! ma di quale tetto parli, di quello dei casermoni di Košice, di Varsavia, di Wuan o delle casette come la tua?

Col tuo ragionamento mettiamo internet a 100 euro all'ora, il gas a 10 euro, la carne a 100 euro al kg, e l'insalata a 20. Anzi eliminiamo dalla dieta tutti gli alimenti con impronta del carbonio elevata.

poi per fortuna siamo in un forum di una passione, non i teorici del Club di Roma, vatti a leggere «I limiti dello sviluppo» degli anni 70, per cui si può dire che, al netto di prestazioni, impronta del carbonio, eccetera che l'auto elettrica
è una gagata pazzesca!
bengi3
Avatar utente
 
Messaggi: 859
Iscritto il: 02/08/2006, 21:49

Precedente

Torna a ALTRI VEICOLI

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite